Se avete feedback su come possiamo rendere il nostro sito più consono per favore contattaci e ci piacerebbe sentire da voi. 
Pomata APNO, crema preparata in Farmacia
Pomata APNO, farmaco preparato dal Farmacista nel Laboratorio Galenico della Farmacia
Pomata APNO, farmaco preparato dal Farmacista nel Laboratorio Galenico della Farmacia

Cerchi una farmacia in grado di preparare la pomata APNO (All Purpose Nipple Ointment, a base di mupirocina, betametasone e miconazolo) nota anche come Pomata di Newman per infiammazione, micosi e tagli ai capezzoli durante l’allattamento (es. Candida)? 
L’articolo tradotto è disponibile interamente nel seguente PDF, con traduzione e ricetta per la crema multiuso APNO.
In tale PDF è riportata anche la prescrizione che può redigere il Medico (es. Pediatra, Ginecologo, di Base, ecc…). Attenzione: le ostetriche NON possono redigere prescrizioni mediche in quanto non abilitate alla prescrizione di farmaci, tantomeno di galenici magistrali!

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

Definiamo la nostra pomata per i capezzoli “multiuso” perché contiene degli ingredienti che aiutano ad affrontare le infiammazioni ai capezzoli dovute a diverse cause oppure come fattori aggravanti. “ La buona medicina” prevede un “giusto” trattamento per “giusto” il problema ma le madri con i capezzoli infiammati non possono ogni volta provare trattamenti diversi che potrebbero o non potrebbero funzionare; per tale motivo abbiamo combinato diversi trattamenti in un’unica pomata. Naturalmente, il miglior trattamento è, al primo posto, la prevenzione dei capezzoli dolenti e spesso migliorare il modo in cui il bambino prende il seno funziona meglio di qualsiasi altra cosa per diminuire ed eliminare le infiammazioni ai capezzoli (vedi anche i protocolli Quando il bambino si attacca al seno, Capezzoli infiammati e i video al sito web dell’nbci.ca.).
La APNO contiene:

Pomata alla mupirocina al 2%. La Mupirocina (nome commerciale Bactroban) è un antibiotico efficace contro molti batteri, in modo particolare contro lo Stafilococco Aureo incluso il MRSA (Stafilococco Aureo Meticillino-Resistente). Lo Stafilococco Aureo comunemente si moltiplica sulle abrasioni o sulle lesioni dei capezzoli probabilmente aggravandole, qualsiasi sia la causa iniziale dell’infiammazione. E’ interessante notare che la Mupirocina ha apparentemente anche alcuni effetti contro la Candida Albicans (comunemente, ma impropriamente, detta “lievito”). Il trattamento dei capezzoli infiammati con il solo antibiotico qualche volta sembra funzionare, ma noi troviamo che l’antibiotico funzioni meglio se combinato con gli altri ingredienti di cui parliamo sotto. Sebbene la mupirocina si assorba per via orale, il corpo la metabolizza così velocemente che è distrutta prima che i suoi livelli possano essere riscontrati nel sangue. Inoltre la maggior parte di questo farmaco si blocca sulla pelle quindi il bambino ne assume veramente una minuscola quantità. Anche se lo ingerisce, è sicuro per il bambino.
Pomata al betametasone allo 0.1%. Il betametasone è un corticosteroide che, come tutti i cortisonici, porta ad una diminuzione dell’infiammazione. Gran parte del dolore sperimentato dalle madri che hanno capezzoli dolenti deriva dall’infiammazione. Il rossore dei capezzoli e delle areole è un altro segno d’infiammazione. Facendo diminuire l’infiammazione, l’APNO attutisce anche il dolore provato dalla madre. La maggioranza del betametasone nella pomata viene assorbito dalla pelle della madre e il bambino ne assume una piccola quantità. [N.d.r. La prescrizione di solo “betametasone” è imprecisa: dal punto di vista chimico è necessario specificare se si tratta di betametasone base, valerato, benzoato, dipropionato, ecc… Dopo ricerche, è stato appurate che quello necessario è il betametasone valerato]
Polvere di miconazolo ad una concentrazione finale del 2%. Il miconazolo è un agente antimicotico. È molto efficace contro la Candida Albicans. Troviamo che la concentrazione al 2% sia buona ma, siccome il farmacista aggiunge una polvere ai due ingredienti descritti sopra, la concentrazione di miconazolo può cambiare fino ad aumentare del 3%-4% o diminuire a meno del 2%. Noi crediamo che la concentrazione al 2% sia la migliore per la maggioranza delle situazioni. La polvere di fluconazolo al 2% può essere sostituita con il miconazolo e anche con la polvere di clotrimazolo al 2%, ma noi crediamo che il clotrimazolo (Canesten®) sia più irritante rispetto ad altre molecole della stessa famiglia. La crema o il gel di miconazolo non possono essere sostituiti con la polvere di miconazolo come componente e sarà usata separatamente. Se il miconazolo o uno qualsiasi dei farmaci di cui sopra (fluconazolo, clotrimazolo) non sono facilmente disponibili in polvere da miscelare nella APNO, probabilmente è meglio utilizzare solo la mupirocina e creme a base di betametasone mescolati tra loro piuttosto che aggiungere un crema o una pomata o il gel alla nistatina, per esempio. Usando una polvere, la concentrazione degli altri due ingredienti non viene così diluita come succederebbe se fossero usati altri unguenti come agenti antimicotici (per esempio la pomata alla nistatina).
Re: unguento apno
Scritto da anele6 18-03-12 - 17:21
•Mupirocin 2% ointment (15 grams)
•Betamethasone 0.1% ointment (15 grams)
•To which is added miconazole powder so that the final concentration is 2% miconazole. This combination gives a total volume of just more than 30 grams. Clotrimazole powder (not as good as miconazole in our opinion, as it often causes irritation) or fluconazole powder to a final concentration of 2% may be substituted for miconazole powder if miconazole powder is unavailable, but both exist (the pharmacist may have to order it in, but many compounding pharmacies almost always have it on hand). Using powder gives a better concentration of antifungal agent (miconazole or clotrimazole) and the concentrations of the mupirocin and betamethasone remain higher


Pomata multiuso per i capezzoli 

Il migliore trattamento dei dolori ai capezzoli è la prevenzione. La migliore prevenzione è attaccare il neonato al seno in modo corretto, fin dal primo giorno. Un dolore che sia superiore ad un lieve fastidio al capezzolo nei primi giorni dopo il parto è sempre causato da una tecnica di suzione non corretta da parte del bambino, indipendentemente dal fatto che vi dicano che l'attaccamento è buono. Cercare aiuto!

Alcune pomate per capezzoli come ad esempio il Lansinoh ™o il Purlan™ ed altri possono aiutare ad alleviare il dolore ai capezzoli, ma una corretta tecnica di suzione è la migliore cura. A volte una pomata "funziona-per-tutto-ma-non-si-sa-perchè" può essere di aiuto.

E' possibile farsi prescrive una pomata del genere. Essa conterrà:

Uno o più antibiotici. Quasi tutte le ragadi e le escoriazioni hanno una base batterica. Non si sa per certo se questi batteri effettivamente causano un'infezione o se rallentano soltanto la guarigione. Si sa invece, da molti anni ormai, che l'uso di pomate antibiotiche aiutano alcune madri con dolore ai capezzoli.


Un'agente funghicida. La Candida albicans può causare il dolore ai capezzoli e le ragadi. Non è sempre facile capire come questo fungo contribuisca a causare il dolore ai capezzoli.


Un'agente antinfiammatorio. E' spesso l'infiammazione associata all'infezione a causare il dolore. L'agente antinfiammatorio (uno steroide) diminuisce la risposta infiammatoria dell'infezione. 
In Canada, le pomate Kenacomb™(più facilmente reperibile) oppure Viaderm™(meno costosa) contengono i principi attivi sopra descritti. Si possono anche prepare pomate con uno o più ingredienti. Negli U.S.A. si prepara mescolando pomata alla mupirocina al 2% + pomata alla nistatina + pomata alla betametasone al 0.1%. Questa mistura risulta anche più efficace. Può essere prescritta anche in Canada.

Come si usa? Si mette pochissima pomata sul capezzolo dopo ogni poppata. Non si lava via anche se il bambino si vuole riattaccare dopo pochi minuti. La maggior parte degli ingredienti non sono assorbibili dall'intestino del bambino e quindi non possono nuocergli. Una volta che il dolore si allevia (di solito entro 2-5 giorni) si può gradualmente diminuire l'uso della pomata fino a non usarla più. In alcune casi, la madre dovrà farne uso uno o due volte al dì per non far ricomparire il dolore. Questo non deve destare preoccupazioni e la madre può continuare la cura per settimane o anche più s'è necessario

violatta d'acqua il violetto di genziana è una sostanza viola che costa anche pochissimo e si trova in farmacia. si mette una volta al giorno. x l'unguento ho preso gli ingredienti e sono andata in farmacia e me lo sono fatto fare. sto usando anche l'estratto di semi di pompelmo che sembra un buon antimicotico
Re: unguento apno
Scritto da violetta d'acqua 16-03-12 - 20:10
Quello della lega del latte sembra un unguento utilizzato all'estero...

Candida Protocol

Io non mastico inglese xro se qualcuno Sa tradurre la sua composizione...a grandi linee ..e il testo..

Anch'io sarei curiosa.

Nel sito della lega del latte x quanto riguarda la candida sembrano indirizzare sul violetto di genziana.
La genziana e anche un fiore di Bach che aiuta a superare grandi difficoltà ad arrivare a maturazione.

Pensare che magari aiuta la madre a sentirsi forte e cosciente di affrontare una così grande difficoltà prima di arrivare alla meta..mi ispira x la candida.

Intanto la candida e segno di una svalutazione immunitaria..

Svalutazione...

Io proverei con questo violetto di genziana che deve essere estratto dal fiore viola forse...

Comunque il Gentian (genziana) dei fiori di Bach credo che non e male come stimolo a continuare in modo più spensierato.
Mi da una bella impressione questo rimedio..
Autore: Dott. Jack Newman MD FRCPC 
Titolo originale "Treatments for problems" 

Quanto segue descrive l'uso di alcune cure per vari problemi connessi all'allattamento.

Foglie di cavolo cappuccio per l'ingorgo mammario

Si può prevenire l'ingorgo mammario del terzo o quarto giorno dopo il parto facendo attenzione a far attaccare in maniera corretta il neonato alla mammella così che poppi bene sin dall'inizio. Se si dovesse verificare l'ingorgo, sappiate che questo problema si risolve spontaneamente entro un paio di giorni. Si continui ad allattare facendo attenzione ad attaccare bene il bambino alla mammella. Se la mammella si ingorga a tal punto da causare molto dolore si possono usare foglie di cavolo cappuccio per alleviare il fastidio. Sembra che questo rimedio funzioni meglio degli impacchi di ghiaccio o di altri trattamenti. Se la mammella fosse ingorgata al punto tale da non permettere un'attaccamento corretto da parte del bambino si proceda ad applicare foglie di cavolo cappuccio alla mammella affetta, si tiri il latte e lo si dia al neonato con un cucchiaino, una tazzina o usando la tecnica dell'allattamento "al dito" e si cerchi subito aiuto.

Come usare il rimedio del cavolo cappuccio:

Usare il cavolo cappuccio verde.


Schiacciare la foglia di cavolo con un mattarello se essa è troppo rigida e non si adagia bene su tutta la superfice della mammella.


Avvolgere la mammella con le foglie di cavolo e lasciarle agire per 20 minuti (due volte al giorno). Questo metodo dovrebbe funzionare dopo due o tre applicazioni. Alcuni dicono di applicare le foglie dopo ogni poppata ed aspettare che esse si avvizziscano. Io non ho abbastanza esperienza con questo metodo per affermare che una maniera sia più corretta dell'altra ma vi sono dubbi sull'uso troppo assiduo delle foglie di cavolo in quanto si pensa che esse possano diminuire la produzione di latte.


Smettere non appena l'ingorgo si allevia e le mammelle non danno più fastidio.


Si possono usare analgesici (acetaminofene con o senza codeina, ibuprofene o altri antidolorifici) per alleviare il dolore. Come per quasi tutti i farmaci, non è necessario interrompere l'allattamento quando se ne fa uso.


Impacchi di ghiaccio possono dare sollievo.


3 o 4 giorni dopo il parto può verificarsi una massa dolorosa sotto l'ascella. In questo caso si possono applicare le foglie di cavolo cappuccio anche in quella zona.
Pomata multiuso per i capezzoli

Il migliore trattamento dei dolori ai capezzoli è la prevenzione. La migliore prevenzione è attaccare il neonato al seno in modo corretto, fin dal primo giorno. Un dolore che sia superiore ad un lieve fastidio al capezzolo nei primi giorni dopo il parto è sempre causato da una tecnica di suzione non corretta da parte del bambino, indipendentemente dal fatto che vi dicano che l'attaccamento è buono. Cercare aiuto!

Alcune pomate per capezzoli come ad esempio il Lansinoh ™o il Purlan™ ed altri possono aiutare ad alleviare il dolore ai capezzoli, ma una corretta tecnica di suzione è la migliore cura. A volte una pomata "funziona-per-tutto-ma-non-si-sa-perchè" può essere di aiuto.

E' possibile farsi prescrive una pomata del genere. Essa conterrà:

Uno o più antibiotici. Quasi tutte le ragadi e le escoriazioni hanno una base batterica. Non si sa per certo se questi batteri effettivamente causano un'infezione o se rallentano soltanto la guarigione. Si sa invece, da molti anni ormai, che l'uso di pomate antibiotiche aiutano alcune madri con dolore ai capezzoli.


Un'agente funghicida. La Candida albicans può causare il dolore ai capezzoli e le ragadi. Non è sempre facile capire come questo fungo contribuisca a causare il dolore ai capezzoli.


Un'agente antinfiammatorio. E' spesso l'infiammazione associata all'infezione a causare il dolore. L'agente antinfiammatorio (uno steroide) diminuisce la risposta infiammatoria dell'infezione.
In Canada, le pomate Kenacomb™(più facilmente reperibile) oppure Viaderm™(meno costosa) contengono i principi attivi sopra descritti. Si possono anche prepare pomate con uno o più ingredienti. Negli U.S.A. si prepara mescolando pomata alla mupirocina al 2% + pomata alla nistatina + pomata alla betametasone al 0.1%. Questa mistura risulta anche più efficace. Può essere prescritta anche in Canada.

Come si usa? Si mette pochissima pomata sul capezzolo dopo ogni poppata. Non si lava via anche se il bambino si vuole riattaccare dopo pochi minuti. La maggior parte degli ingredienti non sono assorbibili dall'intestino del bambino e quindi non possono nuocergli. Una volta che il dolore si allevia (di solito entro 2-5 giorni) si può gradualmente diminuire l'uso della pomata fino a non usarla più. In alcune casi, la madre dovrà farne uso uno o due volte al dì per non far ricomparire il dolore. Questo non deve destare preoccupazioni e la madre può continuare la cura per settimane o anche più s'è necessario.

Erbe per aumentare la produzione di latte

E' possibile che l'uso delle erbe possa aumentare la produzione del latte. Esistono alcuni farmaci che aumentano la produzione del latte e quindi è ragionevole presumere che esistano anche delle piante o erbe che contengono principi attivi simili. In quasi tutte le culture si trova l'uso di qualche tipo di erba o pianta o pozione che aiuta ad incrementare la produzione del latte. Alcune funzionano da placebo, il che va bene; altre non funzionano affatto; altre ancora contengono uno o più principi attivi. Alcune possono contenere principi attivi che non aumentano la produzione del latte, ma possono produrre altri effetti, a volte indesiderati. E' bene notare che anche le erbe possono avere effetti collaterali, a volte seri. I farmaci di provenienza naturale sono pur sempre farmaci e non esiste un farmaco sicuro al 100%. Fortunatamente, come per molti farmaci, il bambino assorbe una piccolissima percentuale della dose presa dalla madre. E' quindi molto improbabile che il bimbo possa subire degli effetti collaterali dalle erbe. Due cure con le erbe sembrano incrementare la produzione del latte; esse sono il Fieno greco e il Cardo mariano detto anche Cardo santo o Cardo benedetto.


I dosaggi sono:
Fieno greco:         3 capsule 3 volte al dì
Cardo mariano:     3 capsule 3 volte al dì
                            Oppure 20 gocce di tintura 3 volte al dì
L'uso della tintura viene sconsigliato a madri che allattano, presumibilmente a causa della parte di alcol che la madre assumerebbe. Questo non dovrebbe preoccupare. E' vero che le tisane funzionano ma per assumere la dose consigliata, si dovrebbe bere la tisana per tutto il giorno e la tutta notte.

Sono stati usati vari rimedi per aumentare la produzione del latte, tra cui le foglie dei lamponi, il finocchio e il lievito di birra. L'efficacia di nessuno di essi, incluso il Fieno greco e il Cardo mariano, è stata provata.

Il fenomeno di Raynaud

Il fenomeno di Raynaud, o sbiancamento del capezzolo, è causato dallo spasmo dei vasi sanguigni. Quando ciò avviene il sangue non riesce ad arrivare in una particolare parte del corpo. Questo fenomeno è una reazione ad un calo della temperatura. Spesso il fenomeno di Raynaud avviene nelle dita, ad esempio quando si lascia un luogo caldo per andare fuori dove la temperatura è più bassa. Le dita diventano bianche e la mancanza di sangue alle punte causa dolore. Il fenomeno di Raynaud colpisce maggiormente le donne ed è spesso associato a malattie come l'artrite reumatoide. Il fenomeno di Raynaud può colpire anche i capezzoli. Capita molto più spesso di quanto si possa pensare. Il fenomeno può prescindere da un'esistente dolore al capezzolo, così come, occasionalmente, può insorgere senza nessun dolore previo al capezzolo.

In generale, il fenomeno di Raynaud insorge al termine della poppata, una volta che il bambino si stacca dalla mammella. In teoria, l'aria dell'ambiente circostante è più fredda dell'interno della bocca del bambino. Quando il bambino si stacca dal seno, il capezzolo è del suo colore naturale, ma immediatamente, questione di minuti o secondi, il capezzolo inizia a diventare bianco. Le madri generalmente lamentano un dolore da bruciatura quando il capezzolo diventa bianco. Dopo essere rimasto di colore bianco per un certo periodo, il capezzolo ritorna al suo colore naturale (appena il sangue ritorna a fluire), e la madre sente come un dolore pulsante. Il cambiamento di colore (e di conseguenza il tipo di dolore) possono alternarsi durante un periodo di tempo che può essere di alcuni minuti fino a un'ora o due.

Il trattamento del fenomeno di Reynaud inizia con la cura della causa originale del dolore (attaccamento non corretto alla mammella o Candida, ecc..). Quasi sempre, con lo scomparire del dolore al capezzolo causato da altre fonti, scompare, anche se più lentamente, il dolore causato dal fenomeno di Reynaud. Curare le altre fonti di dolore (migliorare l'attaccamento alla mammella, curare la Candida, ecc..) è il fondamento per la cura di questo fenomeno. D'altro canto, alcune madri non hanno mai lamentato dolori, né durante le poppate né mai. Altre, hanno cominciato ad accusare i dolori dovuti al fenomeno di Reynaud durante la gravidanza. Se il dolore è lieve non c'è necessità di cura e un po' di rassicurazione è tutto ciò di cui si ha bisogno. A volte la cura è indispensabile, ad esempio quando il dolore è molto intenso e dura per tutta la poppata, anche perché la restrizione del flusso sanguigno verso il capezzolo rallenta la guarigione spontanea.

La prima opzione di cura è:

La vitamina B6. Facendo dei tentativi, l'uso della vitamina B6 si è dimostrato efficace nel curare il fenomeno di Raynaud. Non esistono prove scientifiche che questo trattamento funzioni, ciononostante lo fa. E' sicuro e non nuocerà. La dose è 150 mg/dì in un'unica dose per 4 giorni per poi continuare con 25 mg/dì in un'unica dose per un paio di settimane finché il dolore scompare del tutto. La cura si può ripetere se il fenomeno si ripresenta.
Se la cura con la vitamina B6 non funziona entro un paio di giorni è inutile continuare. In quel caso sarà opportuno provare:

La Nifedipina. Questo farmaco si usa per curare l'ipertensione. Una compressa di 30 mg con formula a rilascio graduale presa una volta al giorno spesso allevia il dolore causato dal fenomeno di Raynaud. Se il dolore ritorna (circa il 10% delle madri), si ricomincia la cura. Dopo due settimane interrompere la cura. Se il dolore si ripresenta (rari casi), si ricomincia la cura. Pochissime madri hanno avuto bisogno di fare tre cicli di cura. Gli
Jack Newman si è laureato come pediatra nell'1970 all'Università di Toronto. Nell'1984 ha fondato la sua prima clinica per l'allattamento materno presso l "Hospital for Sick Children" di Toronto in Canada. Di recente ha fondato diverse altre cliniche per l'allattamento nella stessa città. E' stato consulente dell'UNICEF per l'iniziativa "Ospedali amici dei bambini" in Africa e ha pubblicato articoli sull'allattamento sulla rivista "Scientific American" e su varie riviste mediche. Il Dott. Newman ha lavorato come medico in Canada, in Nuova Zelanda e nel Sudafrica ed è Membro del College Royale dei Medici in Canada (FRCPC). I seguenti articoli sono stati tradotti dall'inglese e pubblicati con il permesso dell'autore.
Febbraio 2000: E' uscito il primo libro del dott. Jack Newman: "Guide to Breastfeeding" (negli USA il titolo è "The Ultimate Breastfeeding Book of Answers" ISBN 0-7615-2996-9) E' uno dei migliori libri sull'allattamento - che si rivolge ai genitori - che io conosca.
"L'allattamento materno non dovrebbe essere sacrificato sull'altare dell'ignoranza" 
Jack Newman


L'allattamento al seno: Suggerimenti per un buon inizio
Il mio bambino sta ricevendo abbastanza latte?
Pregiudizi sull'allattamento materno
Dolori ai capezzoli
La spremitura manuale del seno
Allattare un bambino grandicello - ma perché mai?!!
L'allattamento al seno e gli altri alimenti
Come sapere se un medico NON sostiene l'allattamento al seno
Allattamento e senso di colpa
Puoi ancora allattare
Le coliche nel bambino allattato al seno
L'introduzione dei cibi solidi
Mastite e dotti galattofori otturati
L'uso del dispositivo per l'alimentazione supplementare
Cure per vari problemi connessi all'allattamento
Come il latte materno protegge il neonato
Allattamento e ittero
Come alimentare il bambino quando la mamma lavora fuori casa
Come il latte materno protegge il neonato


      La traduzione dei seguenti articoli è in corso:
La tecnica dell'allattamento "al dito"
L'uso della tintura di violetto di genziana
I rischi dell'allattamento artificiale
Come allattare un bambino adottato
Fluconazole (Diflucan)

 
 Noleggiamo i seguenti articoli:
 
Letti ortopedici, Sponde ribaltabili, Asta solleva malato, Carrozzine fisse, Carrozzine pieghevoli per adulti, Carrozzine pieghevoli da bambini, Deambulatori, Montascale, Stampelle, Magnetoterapia, 
Ultrasuoni, Tiralatte,
Bilance pesa neonati
Cyclette, Sollevatori idraulici, Aerosol, Asta porta flebo.
 
CHIEDI INFORMAZIONI

FARMACIA TOLSTOJ  VIA TOLSTOI 17 20146 MILANO P.IVA 09278610969
  Site Map